Operatori e servizi LTE/4G in Italia, copertura e tariffe

I servizi basati su tecnologia LTE/4G si stanno diffondendo in maniera esponenziale in tutto il mondo, infatti articoli apparsi sul web poche ora fa riportano l’interessante notizia secondo la quale in tutto il mondo le sottoscrizioni a servizi basati sulla tecnologia LTE hanno raggiunto quota 775 milioni, 100 milioni solo in Europa. Continue reading “Operatori e servizi LTE/4G in Italia, copertura e tariffe”

Recensione ASUS ZenFone 2 (ZE551ML) 4GB RAM 32GB ROM Android 5.0 4G LTE

ASUS ZenFone 2 versione ZE551ML è il nuovo smartphone/phablet top di gamma di casa ASUS che ha fatto molto parlare di se proprio per il prezzo relativamente basso con cui è arrivato sul mercato. La versione ZE551ML, presenta tra le altre cose 4GB di ram, connettività LTE, 36GB di spazio di archiviazione, display da 5.5 pollici, doppia sim e altre particolarità che hanno fatto di questo dispositivo, oltre al prezzo basso, uno dei più venduti del momento, ma andiamo in ordine a vedere cosa rende questo smartphone così interessante. Continue reading “Recensione ASUS ZenFone 2 (ZE551ML) 4GB RAM 32GB ROM Android 5.0 4G LTE”

LG G2 eletto “miglior smartphone android”

Quando si parla di Long Term Evolution ( LTE ) si intende una tecnologia che consentirà agli operatori di ottenere delle velocità di connettività mobile superiori alle “vecchie” 3G. I primi lavori di sviluppo di questa tecnologia sono iniziati nel 2004, con le distribuzioni iniziali che sono iniziate alla fine del 2009. LTE è parte del percorso evolutivo della banda larga mobile, che segue EDGE, UMTS, HSPA e HSPA Evolution, nota anche come HSPA +. Continue reading “LG G2 eletto “miglior smartphone android””

Apple Italia: rilasciato iOS 6.1 per LTE

E’ notizia di questi ultimi giorni il rilascio in Italia della nuova versione del sistema operativo iOS 6.1. Con più di 300 milioni di dispositivi mobile nel mondo, Apple si appresta a lanciare in tutti i Paesi convenzionati il nuovo sistema operativo, in grado di attivare tutte le funzionalità LTE negli apparecchi supportati. Per scaricare il nuovo aggiornamento, disponibile dal 28 Gennaio, basterà collegare il dispositivo al computer e avviare iTunes  oppure direttamente dal terminale. L’aggiornamento del sistema operativo è gratuito ed è consigliato tenere sotto carica l’apparecchio durante la fase di upgrade, per non danneggiare il software. Dopo aver aggiornato il proprio dispositivo Apple ad iOS 6.1, è necessario sottoscrivere un abbonamento che supporta l’alta velocità. E’ bene, ovviamente, informarsi presso un centro clienti se il proprio provider assicuri tale servizio in città e quali sono i piani tariffari.

Ricordiamo che con iOS 6.1 sarà possibile abilitare l’LTE, la rete ultra veloce di quarta generazione, nei dispositivi compatibili e a patto che si abbia un abbonamento specifico con un provider di telefonia mobile. Al momento in Italia solo Vodafone, TIM e TRE offrono dei piani tariffari per l’LTE che permettono di navigare a velocità dai 30 Mbps ai 100 Mbps. La rete LTE non è ancora presente in tutta Italia, ma solo in alcuni principali comuni: entro il 2013 si prospetta un’espansione capillare della rete ultra veloce in tutti i principali comuni italiani.

Dispositivi Apple compatibili con l’ LTE

L’aggiornamento a iOS 6.1 è disponibile per i Phone 3GS, iPhone 4, iPhone 4s, iPhone 5 e per iPad di quarta generazione (compreso il nuovo Mini). Solo nei dispositivi Apple usciti nell’ultimo anno, sarà possibile utilizzare la tecnologia LTE. Tramite questa tecnologia sarà possibile vedere in maniera ottimale video in streaming in qualità HD o superiore e caricare o scaricare files multimediali in tempi rapidissimi. Occhio sempre alla bolletta: secondo alcuni test, la connessione LTE consuma molto più traffico dati rispetto alla rete HSDPA.

LTE e Digitale terrestre

L’LTE sta per approdare in Italia e i provider di telefonia mobile si stanno attrezzando velocemente per favorire il lancio di questa nuova tecnologia. Ricordiamo che LTE, detta rete di quarta generazione o 4G, è l’evoluzione della rete mobile HSDPA, che consentirà di navigare sotto copertura a velocità fino ai 100 Mbps in download. Questa rete opererà prevalentemente sulla frequenza degli 800 Mhz, la migliore tra quelle disponibili per l’ LTE, poiché in grado di raggiungere lunghe distanze, coprire i paesi “ostacolati”, ad esempio, da catene montuose, e di offrire costi contenuti per i provider di telefonia mobile . Ma cosa hanno in comune la rete LTE e il digitale terrestre?  Vediamolo insieme.

L’Help Interferenze solo per chi paga il canone RAI

La banda di frequenza utilizzata dall’LTE è molto vicina a quella utilizzata da alcuni canali del digitale terrestre. Con l’introduzione dell’LTE si potranno verificare casi di scarsa ricezione di alcuni canali televisivi o, addirittura, l’oscuramento degli stessi. Il Ministero ha aperto un nuovo sito web, raggiungibile all’indirizzo www.helpinterferenze.it, che accoglierà i reclami di coloro che vedranno il proprio digitale terrestre funzionare male per via dell’LTE e invierà a domicilio un tecnico che installerà un filtro nell’antenna per sistemare il segnale. Il servizio è gratuito, al patto che chi sporge reclamo abbia pagato il canone RAI dell’anno in corso. In questo modo saranno esenti dall’assistenza anche chi ha recentemente traslocato, chi ha un contenzioso in corso con la RAI riguardo al pagamento del canone (non dovuto o pagato, ma non accertato) o chi ha comprato da poco una nuova casa.

Ovviamente non sono mancate le polemiche: il canone RAI è un tributo per il possesso dell’apparecchio televisivo e non ha nulla a che vedere con il diritto che ha il consumatore nel vedere le trasmissioni televisive. L’Adiconsum si sta facendo portavoce della vicenda e si spera che l’assistenza e l’installazione dei filtri diventi gratuita per tutti, a prescindere dal pagamento del canone RAI (che rimane sempre obbligatorio).

Apple e LTE: nuovi accordi

Già da qualche mese si sente in rete parlare di LTE, la nuova tecnologia che permetterà di navigare tramite reti mobile ad altissima velocità. Ma cos’è l’LTE e quando sarà disponibile?  Vediamolo insieme.

LTE, rete di quarta generazione o 4G, è l’evoluzione della rete mobile di terza generazione, cioè della rete HSDPA. Essa consentirà, a chi possiede un abbonamento telefonico e uno smartphone o tablet compatibile, di navigare a velocità fino a 100 Mbps in download. In Italia si stanno già facendo i primi test nelle principali città (come Milano e Roma), utilizzando degli iPhone 5 con iOS6 che supportano l’LTE.

Apple ha, in questi giorni, chiuso degli accordi con 36 nuovi operatori telefonici mondiali per l’utilizzo dell’LTE, per un totale di 60 Paesi interessati, tra cui l’Italia. Si stima che saranno circa 300 milioni gli iPhone 5 che potranno avere accesso alle reti LTE, a patto che abbiano un contratto ad hoc stipulato con il proprio provider.

LTE in Italia

Visto gli accordi presi in questi giorni da Apple con i principali provider di telefonia mondiali, tra cui quelli italiani, ci dovremo aspettare tantissime novità già dalla settimana prossima. In questo momento sappiamo che TIM e Vodafone hanno dei piani di abbonamento LTE nelle città sotto copertura (come Roma e Milano), mentre Tre lancerà a brevissimo i suoi piani tariffari per l’alta velocità negli iPhone 5. Per quanto riguarda Wind, ancora non si sa nulla riguardo le reti ad alta velocità.

LTE e consumo dati

Secondo la Validas, gli iPhone 5 che sfrutteranno le reti LTE, consumeranno più traffico dati rispetto all’utilizzo delle reti HSDPA. Ciò potrebbe essere un grave problema soprattutto per le tasche dei consumatori, che avranno più possibilità di superare le soglie previste dai propri piani tariffari. I provider, di contro, per incoraggiare l’utilizzo dell’LTE sarebbero pronti a lanciare dei contratti LTE con soglie di traffico giornaliere da 100 MB al posto delle attuali soglie di traffico mensili.

Novità LTE nel mondo e in Italia

Connettersi via internet tramite il proprio smartphone non è certo una novità: anni fa, tramite le prime connessioni WAP, si potevano visionare dal proprio telefonino semplici pagine in html; da un paio di anni, invece, è possibile collegarsi con connessioni UMTS o HSDPA (dette 3G, di terza generazione). Ma la tecnologia non si è fermata di certo: è infatti in arrivo la tecnologia LTE, detta di quarta generazione, che è stata testata già in America e in alcune grandi città italiane.

Cos’è LTE?

Se con la tecnologia HSDPA si può navigare lontani da casa con il proprio smartphone a velocità fino a 42 Mbps, grazie a specifici fattori quali l’operatore telefonico, il dispositivo utilizzato e la copertura della rete, con la nuova LTE (Long Term Evolution) si potrebbe navigare a delle velocità fino a 326,4 Mb/s in download e fino a 86,4 Mb/s in upload. Sembrerebbe quasi un sogno connettersi a queste velocità (basti pensare che con una normale linea ADSL raggiunge normalmente le velocità di 20 Mbps), ma in America il sistema è stato già testato ed esistono nuovi dispositivi che supportano tale tecnologia.

LTE in Italia

A Milano sono stati fatti dei recenti test tra alcuni nuovi trasmettitori LTE e iPhone 5, i quali fanno ben sperare che a breve saranno implementati nuovi trasmettitori LTE nelle principali città italiane. A causa delle frequenze LTE molto vicine a quelle del digitale terrestre italiano, la banda è stata leggermente diminuita per evitare spiacevoli interferenze tra i due segnali. Le velocità effettive saranno fino a 100 Mb/s in download e fino a 50 Mb/s in upload.

I dispositivi attualmente supportati

Premesso che i principali provider di telefonia mobile si stanno tutti attrezzando per offrire le nuove connessioni LTE nei prinicpali comuni italiani, c’è da dire che sono pochi attualmente i dispositivi che supportano tale tecnologia. In primis troviamo l’iPhone 5 di Apple e il Google Nexus 4. Per i fedeli a Samsung, troviamo invece la versione LTE del SG3, il quale possiede anche 2 GB di RAM.

WiMAX: Prodotti innovativi ed importanti appalti internazionali per Huawei

Al WiMAX Forum Conference 2011 Huawei, fornitore mondiale nel settore delle telecomunicazioni, ha presentato alcune soluzioni WiMAX / LTE che hanno come comune denominatore un concetto sempre più caro alla maggior parte dei produttori mondiali: la convergenza.
Convergenza tra diversi sistemi, differenti standard con il chiaro intento di garantire connessione in continuità a prescindere dalla tipologia di connessione disponibile. Da qui la presentazione del B8200, il cellulare equipaggiato con Android 2.2 e dotato di connettività dual mode WiMAX /HSPA e del dongle USB E398, ideato per la connessione internet dual mode LTE e WiMAX con la sua versione multi mode, denominata E392, capace di rimanere connesso passando da reti WiMAX, LTE, UMTS e GSM.

Continue reading “WiMAX: Prodotti innovativi ed importanti appalti internazionali per Huawei”

ZTE si è aggiudicata il maggior numero di contratti wireless nel quarto trimestre del 2010

ZTE, fornitore globale di apparati per le telecomunicazioni e di soluzioni di rete, si è aggiudicata il maggior numero di contratti wireless nel quarto trimestre del 2010 secondo un recente rapporto del settore. Il rapporto in questione è stato redatto e pubblicato da EJL Wireless Research e sostiene che il produttore cinese si sia assicurato il 48% del totale dei contratti aggiudicati nel corso dell’ultimo trimestre dello scorso anno. Una posizione conseguita nonostante la riduzione del numero totale dei contratti dovuta alla crisi economica che ha colpito anche il “settore wireless” in tutto il mondo. Continue reading “ZTE si è aggiudicata il maggior numero di contratti wireless nel quarto trimestre del 2010”

Hotspot portatili da premio: grande successo per i MiFi 4G di Novatel

Nuovo successo per Novatel Wireless: il produttore californiano è il vincitore del prestigioso “CTIA 2011 Emerging Technology Awards” nel settore Mobile Consumer Electronics: categoria Accessori. I dispositivi che hanno permesso tale riconoscimento sono quelli della famiglia 4G MiFi Intelligent Mobile Hotspot, il potente MiFi 4082 WiMAX e la versione LTE , il MiFi 4510.

Entrambi i dispositivi MiFi hanno dimensioni ridotte paragonabili a quelle di una carta di credito e sono caratterizzati dalla capacità di sfruttare le reti a cui si connettono (WiMAX o LTE) per crerare un hotspot portatile. Connettività alla banda larga ad alta velocità in piena mobilità garantita per un massimo di cinque dispositivi. Ma non solo. Continue reading “Hotspot portatili da premio: grande successo per i MiFi 4G di Novatel”