Teheran apre le porte delle “Biblioteche Digitali” senza fili

La capitale dell’Iran, Teheran, sarà presto dotata di una rete wireless di collegamento tra le molte biblioteche presenti sul territorio. Le strutture saranno dotate di connettività tramite la fibra ottica e saranno collegate tra di loro attraverso il WiMAX. L’obiettivo sarà quello di poter permettere a tutti i cittadini di godere dall’interno di una Sala di Lettura dell’intero archivio di libri presenti in tutte le biblioteche provinciali. Ma non solo.

Le biblioteche digitali, infatti, saranno a disposizione della cittadinanza anche dai parchi pubblici, che man mano verranno collegati, 24 ore su 24.

Seyed Mohammed Hadi Ayazi, del Dipartimento socio culturale di Teheran, ha sottolineato come questo sistema di collegamento wireless possa essere determinante per la diffusione della cultura della lettura all’interno della capitale:

«Stiamo cercando di rendere il patrimonio di fonti scritte più accessibile ai giovani che, con questi sistemi wireless, potranno leggere i libri direttamente sullo schermo dei loro notebook . Inizieremo con cinque biblioteche digitali e cercheremo di arrivare entro il prossimo anno a 52 librerie a tempo pieno. »

Dal Consiglio decisionale del progetto “Biblioteche digitali” è stato comunicato che nella Settimana del Libro, che avrà inizio il 15 Novembre, i cittadini avranno la possibilità di “entrare” nelle biblioteche digitali per scegliere e scaricare i libri. Le biblioteche saranno divise per settori di interesse passando dal campo della medicina a quello tecnico-ingegneristico, dal campo umanistico a quello scientifico.

Insieme ai testi dei libri sarà anche possibile effettuare il download della critica relativa alle stesse opere, oltre che alle rassegne ed ai workshop di interesse, per fornire cosi uno spazio di interazione e confronto su diversi argomenti.

Teheran, secondo le autorità culturali, era la provincia con la qualità più scadente di biblioteche di tutto l’Iran. Questo sistema avrà lo scopo di ribaltare questa situazione e migliorare la diffusione della lettura nel paese. I presupposti sono sicuramente positivi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.