Cina, sinergia tra fibra e WiMax per la banda larga

China WiMax Communications, multinazionale di telefonia e servizi internet , ha annunciato di aver siglato un protocollo d’intesa per acquistare una quota di maggioranza dei maggiori operatori regionali cinesi di telecomunicazione. Un movimento di mercato che mira a garantire una sempre maggiore presenza sul territorio.

Steven Berman, Presidente e CEO di China WiMax, ha dichiarato:

 “Quest’iniziativa è in pieno accordo con il business plan aziendale rivolto al posizionamento dell’operatore, con sede a Denver (Colorado), in tutta la Cina. Con la certezza di chi può godere del vantaggio della” prima mossa” nel mercato di internet che in questo Paese è tra i più grandi ed importanti del mondo e con il maggior potenziale di crescita.”

La multinazionale ha, di recente, acquisito anche gran parte della rete in fibra presente sui territori di Pechino e Hangzhou ed ha anche un’opzione per l’acquisto della fibra di Shanghai. In aggiunta, in queste metropoli, l’operatore ha anche la licenza per l’uso del WiMax.

Un’ipotesi già percorsa in via teorica da molti stati in tutto il mondo che prevede un’espansione velocissima della banda larga ultraveloce attraverso lo sfruttamento combinato delle caratteristiche principali dei due mezzi di trasmissione: la fibra ed il wireless.

Il WiMax anche in questo caso ha vestito i panni della migliore soluzione sia in termini di investimento economico sia per la facilita e le potenzialità di questa tecnologia senza fili.

Tramite questa sinergia China WiMax vuole fornire un servizio conveniente e di qualità  ai propri clienti. Obiettivo: diventare uno dei fornitori principali per le società estere e nazionali operanti in Cina, con la possibilità agevolare anche i viaggiatori cinesi e di tutto il mondo con i servizi offerti per la  trasmissione dei dati.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.