Mercato WiMax “in ottima salute”, nuovo rapporto Infonetics

Infonetics Research, agenzia di ricerca leader sui mercati internazionali e nella consulenza specializzata sulle reti di telecomunicazioni, ha pubblicato un rapporto relativo al primo trimestre del 2010 sullo sviluppo del WiMax nel mondo che ha evidenziato il positivo andamento di questa tecnologia wireless.

Il rapporto, intitolato WiMax Equipment, Devices and Subscrivers, fornisce indicazioni sulle dimensioni di mercato, previsioni e analisi relative alle apparecchiature di rete 802.16d, 802.16e e 802.16m, sullo sviluppo delle micro, macro e pico celle delle Base Station. Approfondimenti anche su CPE, telefoni, notebook e netbook, schede esterne a banda larga e abbonamenti VoIP.

Tra le aziende monitorate risultano AirSpan, Alcatel-Lucent, Alvarion, Cisco, GreenPacket, HTC, Huawei, Motorola, NEC, Proxim, Redline, Samsung, ZTE e molte altre.

Un analisi dettagliata che annuncia positivi margini di crescita per il WiMax così come evidenziato nelle parole di Richard Webb, analista principale di Infonetics:

«Il moderato calo (2%) nelle vendite di apparecchiature e device WiMax in questa prima parte del 2010 si deve sicuramente attribuire alla lentezza generale del mercato di questo stesso periodo e non intacca minimamente le nostre aspettative di crescita prevista per il resto del 2010. Di sicuro il recente annuncio di un probabile passaggio di Yota, operatore WiMax russo, ad LTE è stato un duro colpo per la tecnologia ma è importante ricordare che in tutto il mondo ci sono più di seicento operatori attivi e che Yota è solo uno di questi.»

«Le recenti dichiarazioni del WiMax Forum» – ha continuato Webb – «a favore della riduzione dei costi di produzione e vendita del WiMax e gli annunci relativi alla prossima evoluzione delle attuale standard 802.16e nel più performante 802.16m (spesso definito WiMax2) dovrebbero contribuire a mantenere viva e costante la tabella di crescita dell’ecosistema WiMax mondiale, anche a lungo termine. Naturalmente la comunità WiMax dovrà fare in modo che queste dichiarazioni diano presto i loro frutti per continuare ad essere una valida soluzione di connettività alla banda larga.»

HIGHLIGHTS SUL MERCATO WIMAX

  • Stati Uniti, EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), Asia (Pacifico) sono considerati i focolai di attività del WiMax. In particolare Russia, Medio Oriente, Africa, Giappone, Pakistan e India sono  motori di crescita in fermento nelle rispettive regioni.
  • Motorola in questo trimestre ha aumentato la sua quota di fatturato relativa al mercato WiMax in tutto il mondo
  • Il “WiMax 2” basato sullo standard 802.16m, in corso di definizione, avrà la capacità di sostenere velocità di trasferimento dati fino a 300Mbps e sarà retro compatibile con le precedenti versioni dello standard wireless.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.