Politec: copertura WiMax della Valtellina entro il 2010

Siglato l’accordo con Retelit: operatività al progetto dall’autunno.
Copertura WiMAX della Valtellina entro il 2010? Un progetto concreto che comincerà ad essere operativo dal prossimo autunno. Proprio così: grazie a Politec la società cooperativa del Polo dell’Innovazione della Valtellina, a breve, diversi comuni della provincia potranno già cominciare a godere dei benefici derivanti dall’ accesso alle autostrade informatiche: «Martedì mattina, presso la nostra sede in Camera di Commercio a Sondrio, abbiamo sottoscritto un accordo con Retelit, una società di telecomunicazioni specializzata nella erogazione di servizi a larga banda principalmente in fibra ottica. – ha esordito l’amministratore delegato di Politec Stefano Besseghini -. Retelit è un operatore di tipo wholesale, che quindi non opera direttamente sul mercato verso l’utente finale, ma si rivolge ai grandi operatori offrendo servizi di trasporto a larga banda. E’ proprietaria di una rete in fibra ottica di oltre 7000 km localizzata nel centro/nord Italia, ha registrato nel 2007 ricavi per oltre 32M€ ed è risultata aggiudicataria della licenza WiMAX per 10 regioni italiane coincidenti grossomodo con l’area coperta dalla fibra». Entrando nei dettagli, Besseghini ha proseguito: «E’ stato siglato è un memorandum d’intesa che impegna le due società nella definizione di una strategia comune e di precisi accordi di collaborazione, con l’obiettivo di garantire una copertura totale della Valtellina entro il 2010». Un passo importante, dunque, per un progetto che alcuni credevano utopico: «Sicuramente – ha confermato l’amministrato delegato di Politec -. I motivi di soddisfazione sono molteplici: in primis per il tempismo con cui Politec ha saputo muoversi. Il memorandum d’intesa con Retelit è stato firmato martedì, data nella quale la stessa Retelit ha ricevuto in via definitiva dal Ministero l’assegnazione delle frequenze. Possiamo quindi dire di essere tra i primi ad aver impostato con loro una collaborazione. Un ulteriore sostanziale elemento di soddisfazione sta nella complementarietà degli attori: il posizionamento strategico di Retelit risulta perfettamente complementare a quello di Politec. Ciò consentirà loro di focalizzarsi sulla realizzazione della rete e l’erogazione del servizio d’accesso, mentre noi attiveremo risorse locali che seguiranno la distribuzione ai cittadini ed alle imprese, attivando nuovi servizi che sfruttino le potenzialità messe a disposizione dalla realizzazione di questa importante infrastruttura». E quello siglato martedì non sarà un accordo solo sulla carta: «Si prevede di attivare i primi servizi di connettività nel mese di Settembre – Ottobre. Ciò collocherà la Provincia di Sondrio tra le prime, se non la prima ad attivare reali servizi WiMAX in Italia». Un simile obiettivo, richiede ovviamente tempistiche serrate: «Procederemo rapidamente alla definizione del gruppo di imprese che si farà carico di svolgere il tema su scala territoriale. Il tutto per arrivare, altrettanto celermente, ad impostare l’area su cui attivare il servizio e le modalità di erogazione dello stesso». Da sempre promotore di questo progetto, anche il presidente di Politec Fiorello Provera ha avuto parole d’elogio per l’importante accordo raggiunto: «Questa è la svolta fondamentale per una provincia decentrata ed interamente montana qual è la nostra. La Valtellina, più di altre, necessita di collegamenti alternativi a quelli infrastrutturali (viari e ferroviari). Imprenditori, studenti, cittadini e turisti, entro due anni, avranno l’opportunità di usufruire dei servizi e delle comodità assicurate da internet, su tutto il territorio, attraverso la tecnologia WiMAX con una diminuzione di costi e di tempi. E’ soprattutto importante sottolineare che questo intervento metterà in condizione di attuare provvedimenti di assistenza sanitaria o di altro genere nelle zone più isolate dove attualmente non esiste un collegamento in rete. Questo aspetto sociale è particolarmente qualificante per l’Amministrazione Provinciale. La Valtellina si pone ora al livello delle aree metropolitane più evolute mettendo la tecnologia al servizio dei cittadini»

Leggi l’articolo completo su: VAOL.it

2 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.