Retelit: APPROVATO IL BILANCIO 2007, DELIBERATA PROPOSTA DI AUMENTO DI CAPITALE A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI DEL PROGETTO Wi-MAX

Il Consiglio di Amministrazione di Retelit S.p.A., società che gestisce una rete nazionale in fibra ottica per trasporto e comunicazioni multimediali, riunitosi oggi ha approvato il progetto di bilancio d’esercizio della Capogruppo e consolidato al 31 dicembre 2007.
I tassi di sviluppo dell’attività commerciale sono stati sostenuti dai risultati ottenuti nel mercato degli operatori internazionali la cui crescita, come già nel 2006, è stata superiore a quella degli operatori nazionali, per i quali continua la tendenza alle aggregazioni. Nel complesso la maggior penetrazione, oltre a sostenere la crescita, ha permesso di mitigare i fenomeni di diminuzione dei prezzi che hanno caratterizzato anche il 2007.
In dettaglio, i ricavi e proventi operativi consolidati sono risultati pari a 32,7 milioni di Euro rispetto a 32,6 milioni di Euro del 2006. In evidenza l’incremento dei ricavi dei servizi di telecomunicazione che passano da 17,7 milioni del 2006 a 22,1 milioni di Euro del 2007 con una crescita del 24,8%. In controtendenza i ricavi da vendita di cavidotti e fibra che passano da 8,1 milioni del 2006 a 4,2 milioni del 2007.
L’efficace azione commerciale del Gruppo nel mercato Wholesale della banda larga in Italia ha permesso di acquisire nell’anno 53 nuovi clienti e 30 milioni di Euro di ordini.
l’EBITDA consolidato 2007 si attesta a 9,0 milioni di Euro rispetto ai 10,3 milioni di Euro del 2006.
Il risultato d’esercizio pari a -6,2 milioni di Euro del 2007 si confronta con la perdita del 2006 pari a 4,9 milioni di Euro.
La posizione finanziaria netta consolidata è negativa per 4,5 milioni di Euro mentre nel 2006 il saldo era positivo per 0,8 milioni di Euro. Il flusso monetario generato dall’attività operativa evidenzia un incremento passando da 3,0 milioni di Euro nel 2006 a 4,5 milioni di Euro nel 2007. Le disponibilità liquide del Gruppo sono sostanzialmente invariate rispetto all’esercizio precedente passando da 2,2 milioni di Euro a 2,1 milioni di Euro nel 2007.
La Capogruppo ha registrato una perdita di 2,1 milioni di Euro. Il Consiglio di Amministrazione proporrà all’Assemblea degli azionisti di portare a nuovo la perdita.
Il Consiglio di Amministrazione ha dato mandato al Presidente di convocare l’Assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti; in sede ordinaria per l’approvazione del bilancio consolidato e civilistico 2007 ed in sede straordinaria per l’eliminazione del valore nominale delle azioni stesse e per il raggruppamento delle azioni in circolazione nel rapporto di una nuova azione ordinaria ogni cinque azioni ordinarie possedute. L’eliminazione del valore nominale ed il raggruppamento saranno eseguiti prima dell’aumento di capitale.
Inoltre il Consiglio ha deliberato di proporre all’assemblea straordinaria degli azionisti di attribuire al Consiglio stesso la facoltà di aumentare a pagamento in via scindibile il capitale sociale ai sensi dell’art. 2443 C.C. in una o più volte entro il periodo di cinque anni dalla data della deliberazione mediante emissione di azioni ordinarie aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione da offrire in opzione agli aventi diritto per un importo massimo comprensivo di eventuale sovrapprezzo di Euro 40.000.000,00, nonché di aumentare, in una o più soluzioni, il capitale sociale a pagamento, al servizio dell’esercizio di warrant per massimi Euro 30.000.000,00.
Il Consiglio di Amministrazione infatti prevede di utilizzare, almeno in parte la delega, presumibilmente nel presente esercizio previo ottenimento delle prescritte autorizzazioni.
L’aumento di capitale è finalizzato al finanziamento del progetto WiMAX, di cui la controllata e-via si è aggiudicata i diritti d’uso delle frequenze a 3,5 Ghz per il tutto il Nord e parte del Centro Italia ovvero Lombardia, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna e Marche per un investimento di 23,3 milioni di Euro. Le aree geografiche in cui sono stati ottenuti i diritti d’uso sono quelle dove è maggiore la presenza d’infrastrutture di rete in fibra ottica del Gruppo.
L’aggiudicazione dei diritti d’uso per il WiMAX costituisce un importante successo di portata strategica che, attraverso l’implementazione di una rete d’accesso wireless, potrà generare forti sinergie nello sviluppo del business della società e permettere di cogliere grandi opportunità di crescita.
Il progetto WiMAX consentirà infatti al Gruppo un più forte ed ampio posizionamento sul mercato con significativa valorizzazione anche degli asset esistenti.
La società ha già ottenuto dai principali azionisti la disponibilità a sottoscrivere pro quota l’aumento di capitale, nonché a garantire parte dell’eventuale inoptato, Centrobanca S.p.A. si è altresì impegnata a costituire un consorzio di garanzia per la restante parte, fino alla copertura totale almeno pari al prezzo dei diritti d’uso.
Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari Ivano Barzago attesta in conformità a quanto previsto dal secondo comma dell’articolo 154-bis del ”Testo Unico in materia di intermediazione finanziaria” che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.
Si precisa che si tratta di dati per i quali non è stata completata l’attività di revisione contabile.

Milano, 27 marzo 2008

Fonte: Retelit

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.