WiMAX in Italia – Ecco chi lo realizzerà

L’aste per l’assegnazione dei diritti d’uso delle frequenze wimax è giunta, ieri 27 Febbraio 2008, finalmente al termine. Noi di wimax Italia abbiamo aspettato questo evento da circa 10 mesi cioè da quando il nostro sito è stato aperto.

Con l’aiuto delle informazioni pubblicate sul sito del Ministero delle Telecomunicazioni facciamo ora un riassunto della situazione del WiMAX al termine delle aste, per sapere quale società detiene le frequenze per ciuscuno zona d’Italia.

“In base alla procedura stabilita dal Ministero delle Comunicazioni, vengono rilasciati 3 diritti d’uso complessivi delle frequenze disponibili nella banda 3.4 – 3.6 GHz, indicati come Blocco A, Blocco B e Blocco C, ciascuno di ampiezza frequenziale pari a 2×21 MHz. Di tali diritti d’uso, 2 (Blocco A e Blocco B) sono rilasciati per aree di estensione geografica macroregionale, per 7 Macroregioni, mentre 1 diritto d’uso (Blocco C) è rilasciato a livello regionale (con suddivisione provinciale nel caso delle Province Autonome di Trento e Bolzano) per 21 regioni.Le aggiudicazioni dei diritti d’uso, suddivise per aree di estensione geografica macro regionali e regionali, sono state le seguenti:”

AriADSL.it – Internet ovunque

Blocco A uso nazionale

Lombardia-Bolzano-Trento

Valle d’Aosta-Piemonte-Liguria-Toscana

Friuli Venezia Giulia-Veneto-Emilia Romagna-Marche

Umbria-Lazio-Abruzzo-Molise

Campania-Puglia-Basilicata-Calabria

Sardegna

Blocco B uso nazionale

Sicilia

Blocco C uso regionale

Sicilia

AFT S.p.A. – LINKEM S.p.A.

Blocca A uso nazionale

SiciliaBlocco C uso regionale

Lombardia

Piemonte

Veneto

Umbria

Lazio

Abruzzo

Molise

Campania

Puglia

Basilicata

Calabria

Sardegna

E-Via – Retelit S.p.A.

Blocca B uso nazionale

Lombardia-Bolzano-Trento

Valle d’Aosta-Piemonte-Liguria-Toscana

Friuli Venezia Giulia-Veneto-Emilia Romagna-Marche

Telecom Italia

Blocca B uso nazionale

Umbria-Lazio-Abruzzo-Molise

Campania-Puglia-Basilicata-Calabria

Sardegna

Tourist Ferry Boat-Temix-Medianet Comunicazioni

Blocca B uso nazionale

Sicilia

Brennercom

Blocco C uso regionale

Prov. Aut. Bolzano

MGM Productions Profit Group

Blocco C uso regionale

Prov. Aut. Trento

Liguria

Toscana

Ribes Informatica-Hal Service-Lan Service-Informatica System-Tex97-B.B.Bell

Blocco C uso regionale

Valle d’Aosta

Assomax

Blocco C uso regionale

Friuli Venezia Giulia

Infracom

Blocco C uso regionale

Emilia Romagna

City Carrier

Oppure Wavemax

Blocco C uso regionale

Marche

I diritti d’uso delle frequenze di gara avranno una durata di 15 anni a partire dalla data di rilascio, sono rinnovabili e non possono essere ceduti a terzi senza la preventiva autorizzazione del Ministero.

Ogni aggiudicatario ha garantito una significativa copertura territoriale ed un particolare impegno nelle aree a “digital divide”. La copertura territoriale è stata calcolata con un meccanismo a punti previsto dal disciplinare di gara e risultante dall’installazione di impianti nei Comuni dell’area interessata.

Trascorsi i 30 mesi dal rilascio del relativo diritto d’uso, gli aggiudicatari che non utilizzino completamente le frequenze assegnate, sono tenuti a soddisfare richieste di soggetti terzi di accesso alle frequenze stesse, sulla base di negoziazione commerciale.

Informazioni Utili e materiale dal sito del Ministero delle Telecomunicazioni:

Mappe del processo di abbattimento del digital divide (8 MByte – zip)

Cronologia gara WiMax (70 KByte – pdf)

La strategia del Ministero nella lotta al Digital Divide (80 KByte – pdf)

Scheda WiMax, la Banda Larga senza fili per internet veloce (82 KByte – pdf)

Gara WiMax: grafico andamento nazionale per blocchi (20 KByte – pdf)

Incassi gare WiMax nei vari Paesi (28 KByte – pdf)

Risultati WiMax (46 KByte – zip)

7 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *